top of page

Peso sospeso (poesia)


Ho una busta qui tra le mie mani e non posso aprirla.

Nel cinema cala in silenzio.

I sospiri sono sospesi come il cuore,

Sembra vuota la sala.

Il passato resta com'è,

Non lo si può cambiare

è una tela dipinta o una foto il cui retro è bianco.


Io non voglio

Non posso

I titoli di coda.

Ancora un attimo.


Le luci si accendono

Il brusio aumenta finché il rumore delle persone rende la sala piena.


Ora posso muovere la busta di plastica

Questo rumore forte in me

sarà solo un sibilo in mezzo alle persone.




Testo di Maria D'Urzo (@maria_d_urzo)

Fotografia di Chiara Lunghi (@_kialu_)

9 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments

Rated 0 out of 5 stars.
No ratings yet

Add a rating
bottom of page