top of page

I dodici guaritori e altri rimedi

rubrica: Il giardino di Bach


Buongiorno viandanti del giardino di Bach, quello di oggi è un articolo che rende omaggio alla vita del dottor Edward Bach, al suo continuo e incessante lavoro, all’instancabile ricerca che fu la sua missione per tutta la vita. 

Bach si dedicò interamente alla ricerca col desiderio di elaborare un metodo di guarigione semplice, efficace e indolore, che fosse alla portata di tutti. Per usarlo non dovevano servire conoscenze mediche o capacità particolari, era sufficiente il semplice ma reale desiderio di aiutare l'altro.

Edward Bach cercò di fare il possibile per divulgare le sue scoperte. Ogni volta che sperimentava qualche nuovo rimedio si premurava di avvisare al più presto le case editrici e di far correggere i testi in via di stampa oppure di aggiungere opuscoli e inserti ai libri già stampati.



La sua ultima e più completa opera si intitola "I dodici guaritori e altri rimedi" proprio perché alla pubblicazione "i dodici guaritori" sono stati integrati gli altri 26 rimedi scoperti in seguito, componendo così il sistema Bach al completo: 38 rimedi floreali e relativi metodi di preparazione.

Bach si promise di chiedere un compenso simbolico di 2 penny per l'acquisto dei suoi testi ma, alla fine, per lo più i libri li regalò non riuscendo mai a rientrare nemmeno con le spese di stampa.

Nell'ottobre del 1936 Edward Bach dettò l'introduzione della sua ultima opera all’assistente Nora Weeks, un mese dopo morì nel sonno. Il mese seguente l’assistente mandò il manoscritto alla casa editrice secondo il desiderio del dottore e nel 1941 venne pubblicato "The twelve healers and others remedies".


Assecondando i desideri e la vita di Bach, il Bach Centre, centro di ricerca e produzione dei rimedi floreali, ha tradotto e reso disponibile la sua ultima opera in tutto il mondo.

Oggi anche io desidero allinearmi a questo intento e quindi condivido con voi, e vi invito a condividere con chiunque voi desideriate, l'opera del dottor Edward Bach che il Bach Centre ha tradotto in italiano.

Il testo è scaricabile gratuitamente in formato pdf dal sito del centro, clickando direttamente su questo link

Potete stamparlo o tenerlo sul vostro pc/smartphone per averlo sempre a disposizione.


Sono grata di questo dono e lo divulgo con piacere rendendo omaggio ai desideri di Edward Bach.



Testo a cura di Monica Brescancin

Fotografie Pixabay



7 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti
bottom of page