top of page

"Ti scatto una parola" di Mattia Urlotti


Ho visto un libro.

Ho visto un libro e letto una fotografia.

Di certo starete pensando che mi sono sbagliata a scrivere, a descrivere questa mia ultima lettura. Ma è ciò che mi ha suscitato "Ti scatto una parola".


Perdendomi tra le sue pagine non sono più riuscita, ad un certo punto, a distinguere tra immagini e narrazione poetica: ogni poesia è da guardare e ogni fotografia da leggere in un perfetto connubio che ti porta esattamente al centro dell'immagine.


Attraverso quattro "dimensioni", ognuna delle quali ha le sue caratteristiche peculiari, Mattia è riuscito a costruire un percorso letterario e di introspezione. Un cammino che ti conduce per mano a unire, in una narrazione unica, lo scatto fotografico sulla realtà, l'anima poetica che le fa da contrappunto e il lettore, in un'unica "visione", che risulta intima e di spessore.



[...] Fissare 

attraverso i vetri 

tasselli

incastri di anime 

residenti o di passaggio 

che scorrono,

s'arrestano, 

in attesa di un miraggio.


Mattia Urlotti, Occhi


Recensione e foto di Barbara Fontana(@la_casa_di_melia)



14 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti
bottom of page